PALERMO: Diario di viaggio

Palermo, 30 giugno 2017

La cartina di Palermo  è  fatta di colori, profumi, sensazioni e disordine. Non fatico a definirla una città bellissima che, un po’ come Venezia, si svela a sorpresa. Molto local, tanto mediorientale e piena di mercati, angoli, che parlano italiano, siciliano. Tolta la strada che attraversa il centro, il resto brulica di vita reale e non di immagini da copertina. Palermo è intensa come i colori e i rifiuti per terra. Odore di pesce, sudore, cultura, tutto mischiato,  come il gelato sciolto.  E ci arrivi dal mare, planando nel vento.

• Here we are 😉 landed • pic by @patrickfacciolo

A post shared by Paola Gallo (@ondefunky) on

Un cartellone pubblicitario mi dà il benvenuto. Se esiste una Gallo way, ci sarà un Gallo mood;-) E inizia subito con un giro notturno, un’arancina con la A e un sonno riparatore. Il Foro Italico è pieno di sole e musica, le dirette sono piene di amici, parole e sorprese.

Solo rock con @levibrazioniofficial on air now @radioitalia

A post shared by Paola Gallo (@ondefunky) on

Rivedo Le Vibrazioni che dal 14 dicembre suoneranno di nuovo insieme (regalando questa sera un’anteprima). Parlo con Marianne Mirage e Sergio Sylvestre e assaporo il tempo di frasi e amicizia con Francesco Renga. La foto è da rockstar.

• Rockstars •

A post shared by Paola Gallo (@ondefunky) on

Aperitivo a Ballarò che vibra di umanità e cena con i sapori che ti esplodono in bocca, la cucina siciliana è felicità. La notte poi si svela con musica forte e angoli di gente che non dorme  mai. Palermo non dorme mai, il mio cuore non dorme mai. Aspetto la sera, il concerto, voi, la diretta, il mare e tutta la bellezza che si può ancora respirare.

Paola Gallo©

Lascia un commento