NICCOLO’ FABI live al Carroponte

Milano, 6 luglio 2017

Niccolò Fabi, Carroponte, periferia di Milano, estate piena e 20 anni di musica “invernale”, pensata, lasciata un giorno a Roma e ritrovata in poco meno di 100 canzoni, 8 dischi inediti, una raccolta ufficiale e un progetto “Diventi inventi 1997-2017” in uscita il 13 ottobre. <<Paolinha ci vediamo in ottobre>> dice Niccolò quando lo saluto dopo il concerto ed è felice davvero con quei capelli di un colore adulto che stanno però su un viso adolescente e quegli occhi azzurri che sanno sempre di verità.

Si parte proprio con Il Giardiniere 2017 che festeggia i 20 anni dell’omonimo album e anticipa l’uscita della nuova raccolta di ottobre. <<Una storia racconta tutto, anche i periodi bui>> e parte 10  centimetri: “10 centimetri da te sono chilometri dentro di me”. Una canzone che ho sempre amato nonostante l’insuccesso commerciale. Fabi sottolinea gli alti e bassi della vita e delle canzoni ed è felice delle tante persone presenti al concerto. Le canzoni  si mischiano con gli anni, ma rimane coerente nel tempo l’amore profondo per le parole, per i contenuti, l’ostinata volontà di esprimere opinioni, pubbliche e private.

 

Divertente e consolatorio vedere tanti adolescenti cantare a memoria le canzoni di Una somma di piccole cose insieme ai classici che vanno da Capelli, Costruire a Lasciarsi un giorno a Roma e sentirsi anche parte di un mondo di persone per bene offese da chi distrugge un entusiasmo…da tutta la stupidità. Il pubblico di Niccolò è un movimento, un’autentica risposta alla politica ufficiale ed oggi può contare su tantissimi adepti. Mai credere a chi dice che l’impegno e la coerenza non premiano. Per un giorno facciamo finta che chi fa successo se lo merita. 

Paola Gallo©

Lascia un commento