CIAO UGO

Milano, 3 luglio 2017

Pensavo davvero che uno come Paolo Villaggio non sarebbe morto mai. L’unico in grado di farmi ridere, davvero. Anticipatore di tempi, costumi, povertà, pochezze dell’Italietta. Cito quotidianamente i suoi film e quindi senza dilungarmi troppo, gli rendo omaggio e lo ringrazio per tutto. Questa morte è davvero una cagata pazzesca. Ciao Ugo.

Lascia un commento