Sanremo Funky: i primi verdetti e alcune considerazioni

Sanremo, 8 febbraio 2020

Con i primi verdetti: vittoria di Leo Gassmann nelle Nuove proposte e Premio della Critica Sala Stampa a Eugenio in Via Di Gioia (a Matteo Faustini quello della sala radio), siamo arrivati alla serata finale del Festival Di Sanremo più lungo della storia, premiato dagli ascolti, ma con le canzoni spostate dal centro. Ospiti, super ospiti, interventi di arte varia cannibalizzano la gara ma accontentano il publico di Rai Uno che segue fedelmente la reunion dei Ricchi e Poveri e il monologo di Roberto Benigni, Al Bano e Romina ma anche Ghali che rotola con disinvoltura dalle scale. Un Festival strano che parte dalle polemiche ma si basa sull’amicizia, salvo poi mostrare la stanchezza di un rapporto consunto come quello tra Bugo e Morgan che si lasciano sul palco: un testo cambiato, un ego smisurato che nasconde una fragilità pericolosa, un Morgan che purtroppo opacizza i suoi indiscussi talenti con atteggiamenti da diva anni 50. E se fosse tutto calcolato per far scordare la pessima classifica? Io credo di no.

Diodato e Francesco Gabbani svettano anche nella classifica della sala stampa e questo mi fa pensare che potranno giocarsi anche il podio finale. Hanno entrambi degli ottimi album, un futuro in crescita, un talento dalla loro parte. Felice per i Pinguini Tattici nucleari (qui la mia intervista) e sinceramente dispiaciuta per Levante (qui la mia intervista). Il resto della classifica (compreso Rancore che risale in Sala stampa e che spero riceva almeno il premio della critica) mi trova piuttosto concorde. Domani anch’io mi presterò al gioco delle pagelle finali e condividerò con voi degli scatti intimi con alcuni degli artisti che ho incontrato. A bocce ferme e senza spocchia, che quella la lasciamo alle canzoni inglesi.

Paola Gallo©

 

6 Comments

  • Per me 1°Achille. 2°Pinguini. 3°Piero=Enrico. Rita Pavone non la conosco avanti (sono francese) mi piace molto. Contenta per Leo. delusa per l atitude de Bugo.Albano e Romina e Gianna hanno meso fuoco a ARISTON. 1 volta che vedo questo festival. Bellissimo.

  • Sai che ti stimo molto e che apprezzo la tua obiettività, ma francamente questa classifica invece nn credo valorizzi alcuni pezzi che meritano di più… perché non tutti i giornalisti sanno discernere la simpatia, la sponsorizzazione, la disponibilità al pettegolezzo di alcuni artisti rispetto alla competenza musicale . Ed ecco che una Pavone, un Zarrillo ( e sono di parte ma mi sforzo di essere “tecnica”) e altri vengono preceduti da una Lamborghini che francamente avrà nome presenza e visualizzazioni ma di certo nn il contenuto di un professionista di questa forma di arte… Per gli altri… Diodato e tosca preziosi. Gabbani? Al posto giusto nel momento giusto. Se il suo pezzo fosse stato cantato da altri sarebbe stato snobbato se non criticato… In ogni caso come sempre il tempo e il pubblico decreterà cosa resterà

  • Mi Dispiace solo che VOI GIORNALISTI NON AVETE NEANCHE OCCHIO PER IL MERCATO, visto che ELODIE, con un Brano tra l’altro bellissimo di Mahmood e Dario Faini, ha avuto 2 Milione di Visualizzazioni su YouTube in 3 Giorni!??????????

  • Il Sanremo che ho visto io mi trova concorde con il podio! Io del resto sai che già volevo vincitore Diodato ancora prima di conoscere il testo, e questo solo per il lavoro che ha sempre fatto! Già con Roy ci arrivò vicino, ma Ermal&Moro non lo permisero. Del resto poi ascoltando le canzoni ti entrano un po’ tutte nell’orecchio e faresti il tifo per tutte. Ho apprezzato RIKI che al contrario di altri ha chiesto di non essere televotato. Sono a San Siro e sto piangendo ??

Lascia un commento